SPALTER SELECT: il figlio forte dello Spalt

Sviluppato a Hüll, la varietà tedesca resistente alle malattie, derivata da Hallertauer e Spalt, si è sviluppata all’inizio degli anni ’90. Grazie a tali caratteristiche, oggi, risulta coltivato molto più diffusamente in Germania rispetto allo Spalt originale, e popolare quasi quanto il Mittelfrüh. Si caratterizza di aroma speziato, floreale e legnoso. Un valido sostituto dei… Continua a leggere

The post SPALTER SELECT: il figlio forte dello Spalt first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

SPALTER SELECT: il figlio forte dello Spalt

Sviluppato a Hüll, la varietà tedesca resistente alle malattie, derivata da Hallertauer e Spalt, si è sviluppata all’inizio degli anni ’90. Grazie a tali caratteristiche, oggi, risulta coltivato molto più diffusamente in Germania rispetto allo Spalt originale, e popolare quasi quanto il Mittelfrüh. Si caratterizza di aroma speziato, floreale e legnoso. Un valido sostituto dei… Continua a leggere

The post SPALTER SELECT: il figlio forte dello Spalt first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Super Pride: orgoglio australiano

Una versione high alpha di Pride of Ringwood, allevata nel 1987 da Hop Products Australia nel loro Rostrevor Breeding Garden Victoria. Questa cultivar è stata ottenuta incrociando una femmina tetraploide Pride of Ringwood con un maschio YK¬81¬18. Risulta ricco di alfa acidi, ma molto simile a livello aromatico al  Pride of Ringwood. Analisi chimica (dati… Continua a leggere

The post Super Pride: orgoglio australiano first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Super Pride: orgoglio australiano

Una versione high alpha di Pride of Ringwood, allevata nel 1987 da Hop Products Australia nel loro Rostrevor Breeding Garden Victoria. Questa cultivar è stata ottenuta incrociando una femmina tetraploide Pride of Ringwood con un maschio YK¬81¬18. Risulta ricco di alfa acidi, ma molto simile a livello aromatico al  Pride of Ringwood. Analisi chimica (dati… Continua a leggere

The post Super Pride: orgoglio australiano first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Rubin: il rubino della Repubblica Ceca

I Cechi lo classificano come luppolo da amaro, ma data la provenienza del Saaz è geneticamente simile alle varietà da aroma europee. L’amaro non è così elegante come quello del Saaz, ma permane più a lungo.   Non si hanno informazioni di dettaglio sugli aspetti colturali, se non una certa vicinanza con il Saaz, quindi… Continua a leggere

The post Rubin: il rubino della Repubblica Ceca first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Sylva: il figlio australiano del Saaz

Varietà australiana a basso contenuto di alfa acidi. Sono piante selezionate da incroci di Saaz, con caratteristiche chimiche simili al loro antenato. Il Sylva è più leggero e fruttato, anche se speziato e floreale, con componenti che assomigliano al tè. Fornisce note leggere di albicocca e melone. Cultivar di facile coltivazione e alta resa, ma… Continua a leggere

The post Sylva: il figlio australiano del Saaz first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Tillicum: potentissimo acido

La varietà è stata sviluppata attraverso il programma di allevamento John I. Haas, Inc. e rilasciata nel 1995. È figlia di Galena e sorella piena di Chelan e quindi ha dati analitici simili a entrambe le varietà. Una varietà ad alto alfa con un contenuto molto alto di beta acidi. Dall’aroma piacevole ma usato per… Continua a leggere

The post Tillicum: potentissimo acido first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Crystal: la chimera americana

Un luppolo che è una vera e propria chimera, nato dalla fusione di un ottimo pool genetico. Si tratta di un ibrido triploide americano sviluppato nel 1993 da Hallertau, Cascade, Brewer’s Gold e Early Green. È più piccante dell’Hallertau (cannella, pepe nero e noce moscata), ma non sorprende che assuma un carattere diverso a seconda… Continua a leggere

The post Crystal: la chimera americana first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto

Sovereign: il nano inglese

Luppolo nano inglese, figlio del Whitbread. Anche se l’aroma può essere intensamente fruttato, il Sovereign produce anche sapori più delicati, tra cui frutta con nocciolo come la pesca. A livello agronomico spicca grazie alla taglia ridotta, ma risulta sensibile alle crittogame.   Analisi chimica % media: Alfa acidi 4,5-6,5 Beta acidi 2,1-3,1 Oli totali 0,8… Continua a leggere

The post Sovereign: il nano inglese first appeared on Giornale della Birra.

Leggi tutto