Luppolo: approfondimenti sulla pianta, dal sottosuolo fino al “sole”

Il luppolo è classificato come pianta erbacea perenne rampicante, appartenente alla famiglia delle Cannabaceae. Esistono tre specie del genere Humulus: Humulus lupulus; Humulus japonicas; Humulus yunnanensis.   Le specie meno conosciute H. japonicas e H. yunnanensis sono poco diffuse e vengono maggiormente utilizzate come piante ornamentali. Si sa pochissimo sulla specie H. yunnanensis a parte… Continua a leggere

Leggi il seguito

La scala fenologica BBCH per la valutazione tecnica della crescita del luppolo

Conoscere l’annuale ciclo di crescita aiuta a capire quando effettuare le operazioni chiave per la gestione del luppoleto. La pianta del luppolo è stagionale sopra il terreno, ma perenne nel sottosuolo. In autunno ed inverno i tralci cresciuti durante l’anno decadono, mentre la corona rimane in vita e darà origine a nuove gemme in primavera…. Continua a leggere

Leggi il seguito

Raccolta del luppolo: analisi empiriche per decidere quando iniziare

Il raccolto deve essere programmato in modo che il luppolo venga essiccato e confezionato o utilizzato verde nel più breve tempo possibile per non comprometterne la qualità. In primo luogo bisogna stabilire quando i coni sono pronti per la raccolta. Con l’avanzare del processo di maturazione i livelli di oli essenziali continuano ad aumentare modificando… Continua a leggere

Leggi il seguito

Propagazione del luppolo in Italia: il problema dei costi e della garanzia delle piante

Attualmente per la propagazione del luppolo in Italia sia i birrai che i produttori amatoriali si rivolgono molto spesso a coltivatori vicini o amici in modo da ottenere rizomi dai costi contenuti. Questo è favorito dal fatto che nel nostro Paese è presente un solo venditore specializzato. Per trovare prezzi più concorrenziali è necessario rivolgersi… Continua a leggere

Leggi il seguito

Gestione del luppoleto: le principali fitopatologie non fungine

Il luppoleto, oltre ad essere soggetto ad una varietà piuttosto ampia di malattie fungine, per le quali è necessario porre in essere costanti cure colturali e specifici interventi fitosanitari, risulta suscettibile, in misura variabile in funzione della varietà e delle condizioni pedoclimatiche, ad altri attacchi da parte di fitopatogeni di differente natura. Tra le principali… Continua a leggere

Leggi il seguito

Gestione del luppoleto: le fitopatologie fungine

La coltivazione del luppolo, pur apparendo piuttosto semplice a livello di gestione colturale grazie alla elevata vigoria della pianta, risulta in realtà condizionata dalla presenza di molte fitopatologie della coltura. In Italia, inoltre, risultando ancora registrati pochissimi prodotti fitosanitari impiegabili sul luppolo, la difesa risulta ancor più ostica e deve, quindi, prendere in considerazione non… Continua a leggere

Leggi il seguito

Le tecniche di propagazione del luppolo

Gli  hobbysti ed i professionisti della coltivazione del luppolo si trovano nella necessità costante di moltiplicare e rinnovare le piante del proprio luppoleto. Le tecniche che si possono applicare, pur risultando piuttosto validi in termini di successo di attecchimento grazie alla particolare vigoria della pianta di luppolo, devono comunque garantire alcuni aspetti fondamentali, tra cui… Continua a leggere

Leggi il seguito

Gestione del luppoleto: la cura annuale della chioma

Nel luppoleto, ad ogni inizio della stagione vegetativa risulta necessario predisporre i sistemi di sostegno costituiti da fili verticali. Questa operazione è necessaria per il sostegno verticale del fusto. Una volta che le piante hanno attecchito, si interrano nel suolo dei ganci in ferro a “U” nella immediate vicinanze delle stesse. Dai ganci verranno fatti… Continua a leggere

Leggi il seguito

Gestione del Luppoleto: i sistemi di palificazione

Uno degli aspetti più critici e costosi che limita la diffusione dei luppoleti nelle aree di coltivazione non tradizionale e specializzata è la difficoltà di realizzare sistemi di palificazione ed orditura idonei a sostenere lo sviluppo della pianta. Infatti, oltre ai costi dei materiali, incidono negativamente la difficoltà di reperire gli stessi, nonché l’oggettiva difficoltà… Continua a leggere

Leggi il seguito