Pillole di luppolo: la cultivar Bullion

Cultivar derivante dalla stessa selezione di Brewer’s Gold, Bullion proviene da un incrocio con un luppolo selvatico proveniente da Manitoba. Così come i parentali, a livello genetico risulta portatore di ottime caratteristiche in termini di produttività, buona resistenza alle più comuni fitopatologie e duttilità in termini di adattamento pedoclimatico.

 

.

.

 

La varietà si caratterizza anche per una maturazione precoce, che lo rende utile negli impianti di grandi dimensioni per poter intervenire con la raccolta scalare.

A livello di amaro consente l’apporto di buona amaricatura, ma la scelta dei birrai è dettata dalle interessanti  note di frutti neri e aromi speziati, che risultano  più intensi se usato in late hoppyng.

 

.

.

 

Ecco le caratteristiche compositive di riferimento:

Alpha Acid 6,7%-12,9%
Beta Acid 3,7% -9,1%
Co-Humulone Composition 39%
Myrcene 45% -55%
Humulene 23% -30%

The post Pillole di luppolo: la cultivar Bullion first appeared on Giornale della Birra.

Via