Ahtanum: lo statunitense, separato alla nascita dal cascade

Questa varietà statunitense coglie appieno tutte le caratteristiche dei luppoli americani, in particolare per il suo aroma floreale, speziato, di erbe aromatiche e moderatamente di pino. Usato per luppolatura tardiva e dry hopping.
Col Cascade, a cui molti birrai lo associano, ha molto in comune, tra cui buona parte di storia, la vicinanza geografica di prima coltivazione, nonché buona parte del proprio DNA.
I due luppoli, infatti, possiedono all’incirca lo stesso profilo organolettico. La differenza sta nel fatto che l’Ahtanum ha profumi più spiccati, sia per quanto concerne il citrico (pompelmo) che il resinoso. In più presenta delle suggestive varianti floreali (geranio) e sono proprio loro a renderlo unico. Grazie a queste peculiarità è perfetto in amaro ed in aroma, ed è un luppolo apprezzatissimo in IPA e APA
Dal punto di vista della coltivazione, è una pianta rustica e produttiva che, come il Cascade, rende ampia soddisfazione anche ai coltivatori, senza gravare troppo in esigenze colturali e di protezione fitosanitaria.

 

Un cenno alla storia della varietà: nel lontano 1869 nella Ahtanum Creek Valley, sita all’interno della Yakima County, un certo Charles Carpenter avviò la coltivazione di un luppoleto, in cui selezionò questa accezione, poi brevettata alla serie YCR1 CV. Da lì, la diffusione ed il successo di mercato furono enormi e seconde solo al Cascade.

La composizione chimica media % delle singole componenti è di seguito riportata:
Alfa 5,2-6,3
Beta 5-6,5
Oli totali 0,8-1,2
Mircene 50-55
Umulene 16-20
Coumulone 30-35
Farnesene <1
Cariofillene 9-12

The post Ahtanum: lo statunitense, separato alla nascita dal cascade first appeared on Giornale della Birra.

Via

Ahtanum: lo statunitense, separato alla nascita dal cascade

Questa varietà statunitense coglie appieno tutte le caratteristiche dei luppoli americani, in particolare per il suo aroma floreale, speziato, di erbe aromatiche e moderatamente di pino. Usato per luppolatura tardiva e dry hopping.
Col Cascade, a cui molti birrai lo associano, ha molto in comune, tra cui buona parte di storia, la vicinanza geografica di prima coltivazione, nonché buona parte del proprio DNA.
I due luppoli, infatti, possiedono all’incirca lo stesso profilo organolettico. La differenza sta nel fatto che l’Ahtanum ha profumi più spiccati, sia per quanto concerne il citrico (pompelmo) che il resinoso. In più presenta delle suggestive varianti floreali (geranio) e sono proprio loro a renderlo unico. Grazie a queste peculiarità è perfetto in amaro ed in aroma, ed è un luppolo apprezzatissimo in IPA e APA
Dal punto di vista della coltivazione, è una pianta rustica e produttiva che, come il Cascade, rende ampia soddisfazione anche ai coltivatori, senza gravare troppo in esigenze colturali e di protezione fitosanitaria.

 

Un cenno alla storia della varietà: nel lontano 1869 nella Ahtanum Creek Valley, sita all’interno della Yakima County, un certo Charles Carpenter avviò la coltivazione di un luppoleto, in cui selezionò questa accezione, poi brevettata alla serie YCR1 CV. Da lì, la diffusione ed il successo di mercato furono enormi e seconde solo al Cascade.

La composizione chimica media % delle singole componenti è di seguito riportata:
Alfa 5,2-6,3
Beta 5-6,5
Oli totali 0,8-1,2
Mircene 50-55
Umulene 16-20
Coumulone 30-35
Farnesene <1
Cariofillene 9-12

The post Ahtanum: lo statunitense, separato alla nascita dal cascade first appeared on Giornale della Birra.

Via